Monumenti & Chiese

Alcune altre cose notevoli


SEDILE DI S. MATTEO   
Attualmente sede dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, questo locale - di stile gotico - era uno dei quattro Seggi nei quali si riunivano i rappresentanti del ceto nobiliare della città. Quello di S. Matteo era il più importante ed era anche detto Seggio Grande, forse per la sua ampia struttura e per distinguerlo da un altro detto "Seggetiello". Il locale si presenta con una volta a crociera ed un insieme di stucchi ottocenteschi che, secondo gli studiosi, ricoprono colonne antiche. Sono visibili anche due capitelli romani di stile composito.

FONTANA DELL'ERCOLE   
Si tratta di una fontana monumentale, opera dello scultore Angelo Solari. Questa opera fu eretta per celebrare l'inaugurazione del nuovo acquedotto nel 1825, nell'area in cui sorgeva la Porta del Trofeo.

TELE ESISTENTI NELLA SALA DEL CONSIGLIO   
Due imponenti opere pittoriche sono ammirabili nella Sala del Palazzo Comunale. Si tratta di due dipinti di soggetto storico di cui è autore Luigi Toro. Copie originali degli stessi si trovano presso il Museo di S. Martino a Napoli.

GRUPPI STATUARI DELLA SETTIMANA SANTA                           
Si tratta di gruppi statuari detti "Misteri" raffiguranti: Gesù nel Getsemani, Gesù legato alla colona, l'Ecce Homo, Gesù sotto il peso della Croce, Gesù morto, le tre Marie, la Pietà, e la Deposizione del Cristo dalla Croce. Rimangono ignoti gli autori - o l'autore - e la data di realizzazione di questi suggestivi gruppi plastici costruiti in cartapesta e legno. I gruppi sono esposti nell'ordine: i primi 5 misteri nella Chiesa di S. Giovanni a Villa, la Pietà nella Chiesa di S. Matteo (o dell'Addolorata) e la Deposizione del Cristo dalla Croce nella Chiesa di S. Carlo. Si tratta dei gruppi statuari che partecipano alle processioni della Settimana Santa.


GIOVA INOLTRE SEGNALARE QUANTO SEGUE:

-Presso una sala dell'Episcopio sono raccolti: iscrizioni di vario genere, frammenti di elementi architettonici, sculture di età romana, reperti medioevali, rilievi funerari, tavole, tele e statue in legno del '700, oggetti per il culto.
-Presso il Museo Campano di Capua si trovano vari reperti provenienti dalla zona aurunca.
-Reperti vari relativi ad un Antiquarium - realizzato a suo tempo dal Gruppo Archeologico Aurunco in sale del Castello Ducale - sono attualmente ospitati nell'Antiquarium statale di S. Maria C.V., in attesa di essere ospitati nel Museo Civico di Sessa in fase di ristrutturazione.

« Torna indietro